Nell’ultimo mese, i metalli preziosi hanno registrato un ottimo andamento dei prezzi

0
255

Nel bel mezzo di una crisi economica mondiale, l’oro ha registrato il suo maggiore aumento mensile a luglio 2020. Un simile andamento dei prezzi non si vedeva dal 2012. Mentre il valore del dollaro USA è diminuito, a luglio il valore dell’oro è cresciuto dell’11%. Venerdì, l’oro spot è stato scambiato a 1.974,40 $ l’oncia. A inizio settimana (lunedì), si è raggiunto un record storico di 1.945,40 $ l’oncia. Il record precedente risaliva a settembre 2011 ed ora è sceso al secondo posto.

A un certo punto di venerdì, il prezzo dell’oro ha superato la barriera dei 2.000 $ l’oncia. Alcuni analisti prevedono un aumento ancora maggiore nel 2020. L’ottimo andamento dell’oro e il calo del dollaro statunitense rendono incerto lo stato della valuta americana come attività di riserva più utilizzata. Il dollaro sta per subire il maggiore calo mensile del decennio. Gli investitori che posseggono altre valute trovano più facile acquistare l’oro quotato in dollari.

Sul lungo termine, potrebbero rivedere i loro portafogli affinché includano più investimenti in oro. E forse ciò sta già accadendo. A New York, i futures dell’oro per dicembre sono aumentati dell’1,1% (equivalente a 19,10 $) a 1.989,30 $ l’oncia, diventando così il contratto più scambiato. Il lingotto, invece, è aumentato del 4,7% nella stessa settimana. Sul breve periodo, il Gold Aug è aumentato dell’1% (equivalente a 19,10 $), stabilizzandosi a 1.942,30 $ l’oncia lo scorso giovedì.

Anche “l’oro dei poveri” ha registrato una crescita storica

Anche l’argento, soprannominato “l’oro dei poveri”, ha registrato il mese scorso risultati incredibili. Questo metallo ha chiuso il mese di luglio con un aumento del 30%, il maggiore incremento mensile degli ultimi 40 anni. Questa crescita è legata alla rivalutazione dell’oro. Tuttavia, è anche il risultato dell’aumento della domanda industriale. L’argento ha una varietà di applicazioni nella produzione di energia, miniere, raffinazione del metallo e altri processi industriali.

Tuttavia, prima di questo massimo storico, a marzo di quest’anno l’argento era sceso a 11,645 $ l’oncia. Ma, con la salita del prezzo dell’oro,anche il valore dell’argento è aumentato. Ciò è dipeso in gran parte dalla Federal Reserve, che, insieme ad altre banche centrali, ha stimolato l’economia. Un incremento del prezzo dell’argento come quello del mese scorso non si vedeva dal mese di settembre del 1980, tanto che  questo metallo prezioso è stato la materia prima con le performance migliori del luglio 2020.

L’argento è considerato adesso più che mai un bene rifugio, e, dopo aver raggiunto un valore massimo di 26,28 $ l’oncia la scorsa settimana, secondo alcuni analisti quest’anno potrebbe raggiungere i 30 $ l’oncia. Secondo Philip Streible, esperto market strategist, non sarebbe una sorpresa se raggiungesse i 40 $, o anche i 50 $. Quindi, “povero” non è esattamente l’aggettivo gisuto per descrivere le prestazioni di questo metallo.

Da parte sua, Christoper Lewis, analista indipendente dei metalli preziosi, sostiene l’idea di mantenere il proprio investimento in argento a lungo termine.Lewis sostiene che l’argento è una materia prima di cui non si dovrebbe mai considerare la vendita, anche quando l’impulso della Federal Reserve sarà terminato.

Il calo del 4% circa verificatosi lo scorso giovedì ha causato qualche preoccupazione, ma il metallo ha avuto un rapido rimbalzo. Il giorno seguente, venerdì, l’argento è tornato in carreggiata. Anche l’oro ha registrato una crescita storica venerdì, ma non paragonabile a quella dell’argento.

Lewis è ottimista circa il futuro di questo metallo prezioso e prevede un aumento ancora maggiore del suo valore nel lungo periodo. Tuttavia, prevede anche a un certo punto un forte calo che, però, secondo lui, deve essere considerato come un’occasione per acquistare. A suo parere, occorre prestare particolare attenzione al livello di 22 $ l’oncia.

Tuttavia, le condizioni per acquistare sono ancora favorevoli. Il rapporto oro/argento è ancora al di sotto di 85,30, il valore medio degli ultimi 10 anni. Venerdì, questo rapporto era di 1:81, ovvero occorrevano 81 once di argento per acquistare 1 oncia d’oro. A metà marzo di quest’anno, quando il prezzo dell’argento era di 11,65 $, il punto più basso degli ultimi 11 anni, il rapporto era di 1:127. Tuttavia, per diversi decenni, il rapporto medio è stato di 1:56. Secondo Streible, l’argento continuerà ad avere un andamento migliore dell’oro fino a stabilizzarsi a un rapporto di 1:60 circa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here